Zona T del viso

Zona T del viso

Zona T del viso, “T” per la sua forma. E’ un’area problematica per chi è attento alla pelle del viso e dovremmo esserlo tutti, visto che non si tratta di una “mera” questione estetica. Quando la zona T del viso è piena di punti neri o particolarmente oleosa, significa che il nostro stile di vita può essere migliorato. Vediamo come. A volte basta correggere l’alimentazione, altre cambiare prodotti detergenti, altre ancora prendere l’abitudine, la sera, di passare sul viso una sostanza naturale con proprietà “magiche”.



Zona T del viso

Non ne vediamo i confini, soprattutto se non si rilevano particolari problemi cutanei, ma resta il fatto che la zona T del viso è immaginaria, va dal mento al centro della fronte, si estende da tempia a tempia. E’ così nota e ha questi specifici confini perché emerge essere l’area del viso che con maggiore probabilità può riempirsi di brufoletti e di punti neri, oppure apparire lucida se abbiamo una pelle in generale grassa o mista.

Esistono dei rimedi naturali per far sì che la zona T del viso non risulti anti estetica, senza seppellire gli inestetismi con del pesante trucco ma rimuovendo impurità.

Zona T del viso

Zona T del viso grassa

Quando si parla di pelle grassa si intende una cute che ha un aspetto oleoso, capita più frequentemente nella zona T del viso che in altre. Nell’adolescenza, inoltre, la pelle grassa va a braccetto con l’acne e rende impossibile a molti giovani, l’accettare di guardarsi in faccia e accettarsi come sono. Invece di disperarsi, a 16 come a 46 anni, vediamo come è possibile intervenire in modo naturale e allo stesso tempo efficaci.

Innanzitutto sfatiamo un mito: la pelle grassa va idratata eccome! E va anche mantenuta pulita. Ciò significa non sciacquarsi la faccia al mattino e stop, bensì lavare la zona T del viso e tutto il resto almeno tre volte al giorno per togliere eventuale trucco, ma anche smog, polvere e sporcizia visto che concorrono alla formazione dei punti neri o dei comedoni acneici.

Il lavaggio va fatto con acqua calda e altamente mineralizzata, evitando creme e lozioni che sbandierano slogan del tutto falsi e finiscono per disidratare la pelle. Ciò che ci serve per la zona T del viso è il sapone naturale all’Aloe e se ci trucchiamo, ricordiamoci di passare dell’olio di amamelide che assorbe il grasso in eccesso.

Possiamo poi preparare una maschera astringente, mescolando un cucchiaio di argilla con del succo di limone, per poi applicarla una volta alla settimana per eliminare impurità e chiudere pori dilatati.

Zona T del viso: rimedi

Esistono dei rimedi “generali” e naturali per assicurarsi una pelle liscia e dall’aspetto sano anche nella zona T del viso. Ad esempio uno scrub da preparare con le nostre mani con miele e zucchero, molto semplice, ma se preferiamo qualcosa di pronto all’uso, ci sono i cerotti contro i punti neri in commercio, fortemente sconsigliati, però, a chi ha la pelle particolarmente sensibile: sono dolorosi!

Contro la pelle grassa e i punti neri può aiutare anche una maschera per il viso a base di agrumi che hanno proprietà astringenti preziose. Limone e arancia vanno benissimo, mescolati a yogurt e polpa di cetriolo. Non è necessario girare struccate, basta scegliere cosmetici a base d’acqua ed evitate fondotinta e correttori a base oleosa.

Zona T del viso

Zona T del viso mista

La pelle mista richiede di evitare prodotti che applicati sul viso non solo rendono la pelle più oleosa che mai ma distruggono anche gli strati più fragili. Meglio cercare sostanze naturali per andare sul sicuro e non è neanche necessario procurarsi strambi ingredienti. Il semplice bicarbonato di sodio è perfetto, ad esempio, e basta massaggiarne un po’ sulla zona T del viso una volta al giorno.

Altro semplicissimo rimedio sono i vapori facciali, un paio di volte alla settimana per regolare la produzione di olio nella pelle. Il succo di limone aiuta poi a tonificare la pelle dopo che abbiamo lavato la zona T del viso: è astringente, combatte i radicali liberi e regola la produzione di sebo.

Infine troviamo l’olio di lino, non da applicare ma da ingerire: un cucchiaino al giorno aiuta la digestione, non dimentichiamolo come non va scordato di fare molto esercizio fisico, perché sudare fa molto bene alla zona T del viso e anche al resto del corpo.

Zona T del viso

Zona T del viso: punti neri

Per evitare la formazione di punti neri sul viso bisogna lavarlo più volte al giorno per rimuovere sia i segni di un eventuale trucco sia il sebo in eccesso. In generale le sostanze astringenti fanno stringere i pori per cui sono ciò che serve.

Possiamo preparare una crema in casa mescolando in parti uguali succo di limone, succo di lime, aceto bianco, acqua minerale e succo di pomodoro, per poi applicarla massaggiando bene. Dopo 3 minuti può essere rimossa per ammirare i risultati. Una dieta ricca di frutta e verdura certamente scoraggia i punti neri, possiamo anche acquistare su Amazon a 10 euro e utilizzare un kit molto pratico per rimuoverli.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su?Twitter,?Facebook,?Google+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 1 febbraio 2017