Rose profumate

rose profumate

Rose profumate: dalle rampicanti a quelle adatte alla coltivazione in vaso. Dalle rose più antiche alle nuove rose profumatissime che non possono mancare in giardino. Una raccolta dedicata alle varietà di rose che profumano di più.

Se una?rosa?non è profumata, potrà essere anche?bellissima?ma di certo non coinvolge tutti i cinque sensi! Il profumo di un fiore può fare la differenza tra un giardino bello e un?giardino mistico!?

Sono diversi i tipi di rose da coltivare in giardino o in vaso, magari sul balcone e tra questi non mancano rose profumatissime?che possono conquistare, con il loro profumo, anche a distanza. In questa pagina vedremo le rose profumate da poter coltivare in giardino (in piena terra) oppure in balcone con la coltivazione delle rose in vaso.

Rose antiche profumate

Il profumo è un carattere comune delle?rose antiche. Via via, il profumo è stato perso dopo selezioni e incroci che avevano l’obiettivo di ottenere petali vistosi e fiori dalle dimensioni notevoli.

E’ anche vero che non mancano ibridi selezionati per il?profumo?dei fiori con varietà più moderne profumatissime. In questa pagina vedremo sia?rose antiche?che rose più moderne, di volta in volta ti segnalerò la storia della rosa in questione. Partiamo con le rose rampicanti profumate, sempre comode da coltivare in giardino!

Rose rampicanti profumate

La rosa?Fruhlingsmorgen?è un ibrido che risale alla Germania del ’42. ?Raggiunge i 250 cm di altezza e produce?rose grandi e profumate. Le rose hanno un diametro di circa 11 cm, la fioritura inizia a fine primavera. E’ considerata una rosa rifiorente in quanto dopo la prima fioritura primaverile la pianta?continuerà a produrre rose anche se in modo più sporadico.

Tra le rampicanti moderne segnaliamo la Sourire d’orchidee con i suoi fiori bianchi madreperla dal diametro di 6 cm. I?fiori hanno un profumo molto intenso e si sviluppano su grandi mazzi naturali… addirittura si possono raggiungere le 30 unità. Si tratta di una?rosa profumata rifiorente?perché produce fiore tutto l’anno ma solo nel Meridione d’Italia con clima più caldo. Questa?rosa rampicante profumatissima?raggiunge i 3 – 4 metri di altezza.

Un’altra rosa rampicante profumata è la Teasing Georgia, selezionata nel 1998 per i suoi fiori con numerosissimi petali e il suo profumo dolce e fruttato.

Rose profumate da coltivare in vaso

Anche chi sceglie la?coltivazione in vaso?non deve rinunciare al?profumo delle rose! In genere, chi vuole?coltivare rose in vaso?sceglie quelle più adatte agli spazi ristretti senza badare all’aroma sprigionato dai fiori. Chi vuole un balcone o un terrazzo profumato grazie ai fiori, non potrà mai più fare a meno di queste?tre?rose profumate.

La?rosa antica profumata?Mozart può raggiungere i 2 metri di altezza ma con potature mirate può essere contenuta per la coltivazione in vaso. La sua selezione risale al 1937. ?Nonostante le sue lontane origini presenta dei fiori dall’aspetto molto moderno: sono piccoli e riuniti in grandi grappoli.

La Rosa De Rescht è tra le?rose profumate antiche?più?misteriose. Si tratta di una pianta spontanea ritrovata in Persia per la prima volta. Parliamo di una?rosa profumata rifiorente?che fiorisce ogni 45 giorni e deve essere cimata dopo ogni turno.

Chi cerca rose più recenti può puntare alla?Princess Alexandra: ha le sembianze di una?rosa antica?ma risale solo al 1987. I suoi fiori hanno un profumo dolce e intenso ed è perfetta per la?coltivazione in vaso.

Rose profumate da giardino

Per chi ama le rose screziate segnaliamo la Floribunda a cespuglio?Souvenir de Gilles Velleneuve. Si tratta di una rosa molto moderna che ha vinto il concorso internazionale di Monza del 2012. I fiori hanno un profumo molto intenso.

Sempre tra le rose screziate profumiamo segnaliamo la Rock’nRoll dai fiori molto grandi. Anche questa è una rosa moderna.

Chi preferisce?rose antiche profumate?dovrà puntare alla Villosa Duplex che è ottenuta dalla rosa selvatica villosa?nota da prima del?1770.

Ti potrebbe interessare anche

Come seccare le rose

Pubblicato da Anna De Simone il 15 maggio 2017