Piombo e metalli pesanti: avvertenze e precauzioni

pentole-rame

Molti dei prodotti che usiamo tutti i giorni contengono metalli pesanti (piombo, cadmio, mercurio, cromo, manganese) la cui presenza è strettamente legata alle attività industriali e di combustione che ne causano la movimentazione nell’ambiente. Il piombo, per esempio, è un metallo pesante il cui utilizzo è estremamente diffuso, ma è anche causa di malattie e di possibili intossicazioni.

Il piombo più degli altri metalli pesanti può essere presente nelle vernici e in altri prodotti di finitura, nei materiali plastici in pvc, nel fumo di sigaretta, nello scarico delle auto, nella polvere domestica dove si deposita lo smog e anche in alcuni oggetti di uso comune soprattutto in cucina.

Le stoviglie in acciaio smaltato e le ceramiche di vecchia produzione possono essere a rischio di rilascio di piombo perché realizzate prima delle normative che ne regolamentano l’utilizzo. Stesso discorso per stoviglie prodotte in paesi in cui le normative non foniscono garanzie. In caso di incertezza sul possibile contenuto di piombo delle stoviglie e di altri eventuali oggetti utilizzati in cucina è bene evitarne l’uso, in particolare per i cibi caldi.

Altra cosa da evitare è quella di rimuovere personalmente vecchie vernici contenenti piombo o altri metalli pesanti tipo quelli citati sopra. Durante eventuali operazioni di sabbiatura di facciate è necessario proteggere molto bene gli interni, chiudendo e isolando ermeticamente i serramenti. Durante i lavori, i locali vanno lasciati liberi e rioccupati solo alla fine dei lavori una volta completate anche le pulizie.

I residui di vernici o smalti, anche quelli dichiatrati a basse o minime percentuali di piombo o altri metalli pesanti, non vanno scaricati nelle condutture idrosanitarie. I fanghi che derivano dalla depurazione dei reflui urbani causano gravi contaminazioni del suolo e del sistema delle acque con gravi ripercussioni su tutto l’ecosistema.

Il piombo è molto dannoso per l’organismo umano e l’attività biologica di questo metallo pesante è molto indagata e ben nota. Il saturnismo influisce su tutti i sistemi dell’organismo, con alterazioni principali che riguardano il sistema nervoso centrale, l’apparato digerente e il sangue.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Michele Ciceri il 22 ottobre 2013