Meditazione bambini: esercizi

Meditazione bambini

Meditazione bambini, attraverso giochi e attività anche divertenti ma che permettano anche a loro, in modo calibrato e misurato, di trovare una forma di silenzio interiore. Inutile fare finta di nulla e pensare che prima della maggiore età non esistano ansie e frustrazioni, paure e contrasti interni. I bambini non sono creature impermeabili e oggi più che mai vivono in un contesto che poco filtra messaggi negativi o “con luci e ombre”. La meditazione bambini non è una terapia psicologica o psichiatrica, non fraintendiamo.



Meditazione bambini: cosa serve

Quando pensiamo alla meditazione bambini non immaginiamoli chiamati a riflettere sui massimi sistemi ma semplicemente, se semplice può mai essere, alla ricerca di uno spazio interiore in cui potersi sentire al riparo dalla frenesia e dall’agitazione che alcuni eventi esterni possono loro trasmettere. Eventi o persone.

Si tratta di una pratica educativa che insegna ad alienarsi in modo funzionale per affrontare meglio le difficoltà. Serve anche a conoscersi meglio senza farsi influenzare dal giudizio altrui o dagli stereotipi, dalle mode e da quello che i bambini immaginano che gli adulti pretendano da loro.

La meditazione bambini è anche un modo per rilassarsi e crescere convivendo con gli imprevisti, imparando a viverli mantenendo la calma e gestendo le proprie emozioni senza soffocarle o nasconderle. E senza che li facciano nascondere.

Nel tran tran quotidiano, non solo degli adulti ma anche dei piccoli, c’è troppo poco silenzio, spesso. Fin dall’asilo ci sono tante attività sportive e di svago, sociali e formative che vanno certo bene ma se praticate in giusta misura. La meditazione bambini diventa uno spazio protetto da tutto ciò e utile per far decantare quello che si impara e si sperimenta nel quotidiano.

Meditazione bambini

Meditazione bambini: esercizi

Gli esercizi di meditazione bambini non possono essere troppo statici: è necessario scegliere delle tipologie che tengano conto della voglia di muoversi e della vivacità tipica di certe età. Allora gli esercizi adatti sono quelli che coinvolgono il corpo, anche perché aiutano a prendere coscienza dei ritmi del battito cardiaco e della respirazione.

E’ previsto anche che si muovano, danzino, saltino e corrano: la meditazione bambini è una meditazione attiva, ben diversa da quella degli adulti. Tra gli esercizi e le attività consigliate ci sono il modellamento dell’argilla e la colorazione dei mandala, la coltivazione dell’orto e in generale il giardinaggio.

Meditazione bambini: yoga

Spesso i corsi di meditazione bambini vengono tenuti e promossi in centri di yoga anche se non si può parlare di vero e proprio yoga. Tutto va ridimensionato in modo che i più piccoli non percepiscano questa attività come un dovere, un compito, una “cura”. Nei centri yoga la meditazione bambini è spesso insegnata in modo che possa essere praticata in modo “amatoriale”, per poi prendere l’abitudine, in famiglia, di trascorrere dei momenti in pausa, in silenzio.

Meditazione bambini

Chi vuole approfondire la pratica dello Yoga applicata ai bambini, trova informazioni utili in questo libro.

Meditazione bambini: libro

Un’altra lettura consigliata è quella che ci propone di “giocare a rilassarci”. Lo fa spiegando come la meditazione oltra a calmare i bambini, li renda anche più attenti e creativi. Bastano pochi minuti al giorno, per vedere dei vantaggi che durano nel tempo, anche quando bambini non si è più. In questo volume ci sono consigli anche per chi si trova a fare meditazione con bambini che soffrono di iperattività e ansia.

Meditazione bambini

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su?Twitter,?Facebook,?Google+,?Pinterest?e… ?altrove dovete scovarmi voi!

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 6 maggio 2017