Lavanda, proprietà e benefici

lavanda proprieta benefici

Lavanda, proprietà e benefici: infuso di lavanda da bere e oli per la cura naturale della pelle. Tanti consigli su come sfruttare al meglio le proprietà della lavanda.

Lavanda o lavandino

Non è un titolo buffo quello di questo paragrafo. Il?lavandino?è un ibrido derivato dall’incrocio tra Lavandula spica e Lavandula officinalis. Molto spesso, le creme di bellezza e i prodotti per la pelle a base di?lavanda?che trovi in commercio, sono composti -in realtà- con il lavandino. Il lavandino (Lavandula hybrida) ha il vantaggio di svilupparsi in modo uniforme così da consentire la raccolta meccanizzata alle grandi aziende agricole.

La?lavanda?propriamente detta è rappresentata dalla specie botanica?Lavandula angustifolia?(anche detta?lavandula vera?o?lavandula officinalis). La?lavanda?dà origine a un?olio essenziale?di migliore qualità, più ricco di principi attivi e quindi più adatto ali usi fitoterapici e profumieri.

Quando compri un prodotto destinato all’uso fitoterapico, assicurati che sia alla?lavanda?(lavandula officinalis, sinonimo di lavandula angustifolia o lavandula vera). Se leggi una scritta generica “lavanda”?o “lavandula”?probabilmente si tratterà di?lavandino.

Lavanda, proprietà e benefici

La?lavanda?è ricca di?oli essenziali?e composti come le cumarine, tannini, fitosteroli e composti amari.

L’olio essenziale è apprezzato per l’acetato di linalile, che è il suo componente principale. Contiene anche canfora e altri principi dalle interessanti proprietà.

La lavanda contiene più acetato di linalile del lavandino e per questo è ritenuta migliore da un punto di vista fitoterapico. La lavanda contiene linalolo, cineolo, borneolo, cariofillene e composti alcoli.

Grazie ai principi attivi citati, la?lavanda?può vantare un gran numero di?proprietà benefiche. Ecco l’elenco delle proprietà della lavanda:

  • Digestive
  • Colagoghe
    Migliora la digestione dei grassi stimolando il deflusso delle secrezioni biliari del fegato e della cistifellea al duodeno.
  • Carminative
    Aiuta a sgonfiare la pancia eliminando l’aria accumulata a livello dello stomaco e dell’intestina.
  • Sudorifere
  • Diuretiche
    Grazie alle sue proprietà diuretiche, stimolanti e sudorifere, può essere utile per contrastare la ritenzione idrica.
  • Antisettiche
  • Battericide
  • Analgesiche
  • Antispasmodiche
  • Anticonvulsionanti
  • Espettoranti e calmanti della tosse
  • Stimolanti
  • Antidepressive
  • Neurotoniche
    Stimola il sistema nervoso centrale e così esercita una blanda azione antidepressiva.
  • Calmanti
    Risulta utile per alleviare gli stati d’ansia.
  • Cicatrizzanti
  • Dermofunzionali (migliorano lo stato di salute della pelle)
  • Detergenti
    I suoi infusi e oli sono ottimi per la pulizia del viso, adatto anche alla pelle più sensibile.

L’olio essenziale di lavanda è perfetto per massaggi muscolari: è considerato un potente decontratturante, perfetto da usare dopo un’intensa attività fisica, soprattutto se associato con sali di epsom.

Infuso di?lavanda

Se, in giardino, hai della lavanda, puoi utilizzarla per preparare delle ottime?tisane?o?infusi. Per la preparazione ti basterà essiccare la lavanda e tritarla. La dimensione giusta dei frammenti di lavanda va dai 2 ai 6 mm così da ottenere un?infuso di lavanda?ben concentrato e senza sprechi. Una miscela di menta e lavanda può dare vita a un?infuso?ottimo per accompagnare i pasti (molto digestivo) ma anche da bere in vari momenti della giornata per sfruttare le altre proprietà di queste erbe officinali.

Come coltivare la lavanda

Per informazioni sulla coltivazione della lavanda e sulla sua essiccazione, ti invito a leggere la mia guida?come coltivare la lavanda.

Olio essenziale di lavanda

Il lavandino ha una resa maggiore in termini di olio essenziale estratto. Se nella lavanda la resa in olio essenziale va dallo 0,5 all’1,5%, con il lavandino si ottiene una resa che va da 1 al 3%. L’olio essenziale di lavandino, per questo motivo, è più economico ma anche meno pregiato perché meno?fine e meno dolce.

Per scoprire dove comprare l’olio essenziale di lavanda e tutti i suoi usi per la cura della pelle, ti rimando alla pagina dedicata:?olio essenziale di lavanda. Nella pagina troverai consigli utili per usare l’olio essenziale di lavanda per alleviare ansia e stress, per curare un eczema della pelle, per alleviare dolori muscolari o semplicemente per migliorare la salute della pelle impura.

Nota bene:
l’olio essenziale non va mai usato puro ma sempre diluito in un olio vettore come l’olio di mandorle dolci o il classico olio di oliva.


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 13 maggio 2017