Irsutismo: cause e rimedi naturali

Irsutismo

Irsutismo, spesso confuso con la ipertricosi, due problemi simili in apparenza ma che approfondendo origini e cure, sono molto diversi. Anche se non ci vedono personalmente coinvolti è interessante approfondire e smascherare stereotipi e credenze che possono ferire chi ne soffre o farci venire immotivati timori.



Irsutismo: cause

L’irsutismo può essere legato alla comparsa di malattie endocrine che riguardano i surreni, i principali produttori di testosterone nel fisico delle donne. Ci sono casi in cui questo problema non è associato a patologie evidenziabili o a determinanti fattori predisponenti, allora si parla di irsutismo idiopatico.

Una delle differenze è questa: nel primo caso la causa è una eccessiva secrezione di testosterone, nel secondo è molto probabilmente un’abnorme sensibilità cellulare agli androgeni. Anche l’assunzione di alcuni farmaci possono essere alla base dell’irsutismo, in questo caso le origini del disturbo sono dette iatrogene e i farmaci interessati sono ad esempio gli ormoni androgeni, corticosteroidi e steroidi anabolizzanti.

Tra le cause possibili infine troviamo dei bassi livelli di SHBG, il calo degli estrogeni o l’aumento del numero dei recettori per gli androgeni.

Irsutismo: diagnosi

Quando parliamo di irsutismo, vogliamo riferirci ad una presenza anomala di peli duri e grossolani nella donna, in zone in cui non compaiono, al contrario di ciò che accadrebbe in un corpo maschile. Si intendono quindi aree come il labbro superiore, il mento, l’addome, la schiena, l’intorno all’areola del capezzolo e il centro del petto. Una conferma della presenza di irsutismo in una donna è anche la disposizione a losanga dei peli pubici

Irsutismo

Irsutismo mento

Il mento, citato sopra, è una delle zone più in vista in cui si può manifestare questo problema di comparsa di peli anomala. A volte si può ricorrere anche alla rimozione chirurgica, se il trattamento con i farmaci non funziona oppure non risulta fattibile per ragioni mediche. I farmaci più spesso indicati sono quelli che riducono la sintesi di testosterone e/o aumentano quella estrogenica oppure altri, finalizzati ad inibire la conversione in diidrotestosterone (DHT).

Irsutismo maschile

L’irsutismo di solito colpisce le donne, per definizione, perché è infatti inteso come legato alla presenza di peli “da uomo” nel fisico di una femmina. Il maschio, di default, ha più peli e questo fatto è legato alla secrezione di ormoni androgeni, nettamente superiore nel corpo maschile che femminile.

Irsutismo: cura con rimedi naturali

Per cercare di porre rimedio in modo naturale a questo disturbo che invade “di rimbalzo” anche la sfera psicologica, esistono degli accorgimenti che possiamo segnarci. Partendo dal menù: sono consigliati infatti alimenti ricchi di antiossidanti, come frutta (mirtilli, ciliegie e pomodori) e verdura (zucca e peperoni). Meglio invece non esagerare con altri tipi di alimenti come quelli raffinati: pane bianco, pasta e soprattutto zucchero.

Irsutismo

La quantità di carne non va in generale diminuita, basta preferire le carni magre alternandole al pesce d’acqua fredda, al tofu e ai fagioli. I grassi “cattivi” presenti nei prodotti commerciali da forno sono da cancellare dalla dieta, condendo sempre i piatti con olio extra vergine di oliva. Alcool e tabacco sono nemici di chi soffre di irsutismo, è necessario invece bere molta acqua e fare movimento regolare.

Anche l’agopuntura viene spesso consigliata per combattere questo problema: non esistono ad oggi delle prove certe della sua efficacia ma molti studi secondari a riguardo, ancora da approfondire.

Irsutismo e ipertricosi

C’è una netta differenza, anche se non sempre salta agli occhi, tra ipertricosi e irsutismo. La prima è un problema solo di quantità di peli mentre il secondo riguarda anche la qualità dei peli, sia che sia un disturbo diffuso in tutto il corpo, sia che riguardi solo un’area.

Ribadisco che l’irsutismo non vuol dire “avere più peli della media” ma avere peli numerosi e di aspetto diverso da quello tipico della peluria femminile, in zone dove di solito sono i maschi i soli ad averne: volto, torace o dorso delle mani e dei piedi.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su?Twitter,?Facebook,?Google+, Instagram

Ti potrebbero interessare anche

Pubblicato da Marta Abbà il 20 giugno 2017