Ipertensione, rimedi naturali

ipertensione rimedi naturali

Ipertensione, rimedi naturali, sintomi, cure, alimentazione consigliata e tutte le informazioni utili per regolarizzare la pressione arteriosa.


Attenzione! Se soffrite di ipertensione arteriosa avete la necessità di farvi seguire da un medico per valutare una cura farmacologica su misura. I rimedi naturali visti in questa pagina sono molto utili se gli episodi ipertensivi non sono cronicizzati o correlati a una disfunzione fisiologica conclamata.

In questa pagina vedremo quali sono gli alimenti per abbassare la pressione sanguigna e quelli da evitare perché ricchi di sodio. Alla base dell’ipertensione arteriosa vi è uno squilibrio chimico che può essere tamponato con l’assunzione di potassio. Gli alimenti consigliati come rimedio naturale per l’ipertensione arteriosa sono i cibi più ricchi di potassio.

Ipertensione, rimedi naturali

Chi è alla ricerca di una cura per l”ipertensione, dovrà subito capire che non ne esiste una definitiva, ne farmacologica ne’ con rimedi naturali.

Esistono molti modi per regolare la pressione arteriosa e mediante l’alimentazione è possibile limitare l’approccio farmacologico. I rapporti tra dieta e ipertensione arteriosa sono notevoli, sia nell’ambito della prevenzione sia per il trattamento.

Come accennato in premessa, non esiste una cura definitiva per l’ipertensione?ma?esistono diversi trattamenti e la somministrazione di una dieta adeguata è il miglior rimedio naturale?per stabilizzare?i livelli di pressione arteriosa agendo come coadiuvante della terapia farmacologica o come singolo trattamento dietetico.

La dieta per l’ipertensione è caratterizzata da:

  • ridotto apporto di sodio
  • apporto calorico per garantire il mantinimento del peso corporeo entro limiti accetabili
  • incremento di alimenti ricchi in potassio e fibre vegetali
  • riduzione del consumo di grassi saturi
  • riduzione del consumo di alcool
  • pratica quotidiana di esercizio fisico moderato

La fonte maggiore di sodio, nella cucina mediterranea, è rappresentata dal sale da cucina: solo il 5-10% del sodio contenuto nella dieta occidentale proviene dagli alimenti, il rimanente è aggiunto ai cibi artificialmente in forma di sale.

E’ evidente che l”apporto di sodio può essere ridotto eliminando del tutto l”utilizzo del sale da cucina e limitando gli alimenti ricchi in sale: dado da brodo, formaggi (soprattutto quelli stagionati), insaccati, salumi e acque minerali e prodotti effervescenti.

Al contrario del sodio, il potassio aiuta ad abbassare i livelli di pressione arteriosa. Così è consigliabile l”assunzione di alimenti ricchi di potassio come funghi secchi, fagioli secchi, fichi secchi, castagne fresche, ceci, lenticchie, patate, spinaci, biete…

In più, per non perdere il potassio contenuto nelle verdure fresche, nei legumi negli ortaggi, ci sono alcune premure che si possono effettuare. Durante la preparazione:

  • bisogna lavare o tagliare l”alimento subito prima della cottura
  • non immergere l”alimento in acqua fredda
  • non tagliare più del necessario, anzi, più che tagliare bisogna “strappare” le foglie
  • cuocere giusto il minimo indispensabile
  • aggiungere poca acqua alla cottura
  • non usare bicarbonato di sodio per lavare o cuocere
  • per rendere le pietanze più gradevoli, in sostituzione al sale, si può usare succo di limone, aceto, pelati, cipolle e aromi
  • preferire la cottura al vapore alla bollitura

Nella dieta dei pazienti ipertesi, caffè e tè devono essere utilizzati con assoluta moderazione, così come è preferibile evitare superalcolici, bevande troppo zuccherate e aliementi artefatti.

Ipertensione, i sintomi

I pazienti affetti da pressione alta per lo più non manifestano alcun sintomo, anche se quando si fanno misurare la pressione i valori sono pericolosamente alti. Alcune persone affette da ipertensione negli stadi iniziali potrebbero soffrire di mal di testa sordo, di giramenti di testa o avere il naso che sanguina più del solito, però questi sintomi di solito non si presentano finché l’ipertensione arteriosa non è giunta a uno stadio avanzato, o addirittura pericoloso per la vita del paziente.

I?rimedi naturali contro l’ipertensione arteriosa?non vanno assolutamente sottovalutati così come non deve essere sottovalutato un trattamento medico a misura di paziente.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra lecerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 27 agosto 2016