Concentrazione mentale: esercizi e rimedi naturali

Concentrazione mentale

Concentrazione mentale, beato chi ce l’ha, ma chi non ce l’ha può imparare ad acquisirla diventando più bravo sul lavoro ma non solo. Avere una buona concentrazione mentale significa anche essere degli sportivi migliori, delle persone migliori perché più attente ad ascoltare chi ci parla, a guardare cosa ci accade intorno e cosa ci viene inculcato in mente senza che ce ne accorgiamo.



Nello studio, nel lavoro, nello sport, in famiglia e tra amici, la concentrazione mentale è preziosa, è essenziale anche per rilassarsi oltre che per raggiungere i nostri obiettivi più ambiziosi.

Concentrazione mentale: esercizi

Non è uno sport, la concentrazione mentale, ma gli esercizi servono eccome perché sempre di muscoli si tratta, di allenamento e di acquisire capacità e abilità che non abbiamo ma che servono. E’ importante tenere sempre allenata la nostra concentrazione mentale in modo che, in ogni momento, possiamo utilizzarla, che sia per leggere una mail per fare una maratona o per godersi un film al cinema.

Uno degli esercizi più facili ed efficaci è quello dei piedi. Può far sorridere il fatto che, per allenare la testa, ci si focalizzi sui piedi, ma così funziona. Quando troppi stimoli rischiano di affogarci, per difenderci da quelli che ci distraggono dal nostro principale obiettivo del momento, possiamo concentrare la nostra attenzione sulle dita dei nostri piedi.

Provare per credere, Olivia Fox Cabane, autrice del libro “The Charisma Myth“, lo suggerisce e lo applica. Esercizi dedicati a chi ha bisogno di concentrazione mentale nella lettura, sono quelli che indicano di leggere piccole parti, il primo paragrafo, ad esempio, e poi riassumerlo, in un’unica frase di massimo 20 parole. Questo rompe il meccanismo di flusso di stimoli che disturbano e pretende che teniamo tutta l’attenzione per il testo. Fatto questo con il primo paragrafo o la prima pagina di un libro, procederemo poi con la massima concentrazione mentale.

Concentrazione mentale

Concentrazione mentale e ansia problemi

L’ansia può far perdere la concentrazione, capita molto spesso e non è facile stoppare il meccanismo. Può aiutare la pratica della meditazione mindfulness. Basta praticarla 10 minuti al giorno per vedere dei miglioramenti significativi della nostra concentrazione mentale, senza contare che la meditazione mindfulness porta a lungo e breve termine molti altri benefici che ho descritto in un articolo dedicato.

Concentrazione mentale: rimedi naturali

Ci sono tecniche che non richiedono molti sforzi e riescono a farci concentrare sul qui e ora, cosa facile a dirsi ma non a farsi. Una di esse suggerisce di focalizzare l’attenzione sul battito del cuore, rilassando i muscoli e ignorando tutto quanto accade attorno di diverso dal pulsare del cuore. E’ necessario che la mente immagini il muscolo che pompa il sangue in tutto il tuo corpo, dopo alcuni minuti si percepisce una sensazione di calore e poi uno stato di massima concentrazione mentale sul qui e ora.

Concentrazione mentale

Concentrazione mentale: integratori?

Alcuni integratori naturali possono aiutare a migliorare la concentrazione mentale e allo stesso tempo anche l’umore. I più comodi sono in formato capsule, come questo in confezioni da 60 (50mg), acquistabile anche su Amazon a 13 euro.

Concentrazione mentale

Concentrazione mentale nello sport

Almeno tanto quanto il lavoro, lo sport richiede una forte concentrazione per controllare i processi psicomotori di pensiero e per restare attenti a ciò che si sta facendo. Le prime tre cose da fare sono selezionare gli stimoli di focalizzazione, dirigere l’attenzione al momento opportuno e saper mantenere l’attenzione sugli stimoli rilevanti per la propria attività.

Nello sport esistono numerose tecniche per mantenere una concentrazione vincente, le più utilizzate sono le tecniche di focalizzazione spazio-temporale, quelle di filtro degli stimoli esterni e quelle di percezione psico-fisica. La scelta della più opportuna tiene conto dello sport praticato ma anche della mente di ciascuno di noi e delle reazioni che può avere in gara.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su?Twitter,?Facebook,?Google+,?Instagram

Ti potrebbe interessare anche?Dormire poco: conseguenze

Pubblicato da Marta Abbà il 6 ottobre 2017