Come scegliere il ferro da stiro

come scegliere un ferro da stiro

Come scegliere il ferro da stiro con o senza caldaia. Una guida per la scelta del miglior ferro da stiro in base alle proprie esigenze. Dalla piastra in ceramica a quella in acciaio. Consigli e dritte per spendere bene!

Nella scelta del?miglior ferro da stiro?bisogna considerare molti fattori perché tanti sono i modelli e le tipologie in commercio. In questa pagina ti dirò i fattori da valutare per?scegliere un buon ferro da stiro.

Come scegliere il ferro da stiro con caldaia

Le?differenze?tra?ferro da stiro con o senza caldaia?sono tante. In questo paragrafi ti dirò?vantaggi e svantaggi. Il ferro da stiro con caldaia presenta questi vantaggi:

  • Un ferro più leggero
  • Lunga autonomia idrica
  • Buona erogazione del vapore

Gli svantaggi sono: è generalmente più costoso, minore libertà di movimento, maggiore ingombro nel conservare l’apparecchio e ferro più rumoroso.

Chi vuole stirare camice e abiti con uno sforzo minimo, dovrà puntare al ferro da stiro con caldaia. Il motivo? La maggiore quantità di vapore erogata facilita la distensione delle fibre tessili a contatto con la piastra rovente. In pratica il lavoro diventa più semplice.

Per una panoramica sui prezzi e i modelli, ti invito a visitare la pagina Amazon dedicata ai prodotti. Trovi immagini, opinioni e prezzi a “questo indirizzo“.

Come scegliere? Oltre al prezzo e alla capacità del serbatoio della caldaia, dai un’occhiata alle prestazioni in termini di pressione. Come valutarla? Segui questa tabella di valutazione.

  • Pressione 3,5 bar
    Con erogazione continua di 50 g/min e colpo di vapore inferiore ai 200 g/min.?Si tratta di un modello discreto. Da comprare solo se il prezzo è davvero conveniente.
  • Pressione 5 bar
    Con erogazione continua di 70 – 100 g min e colpo di vapore da 200 – 300 g.?Si tratta di un modello dalle buone caratteristiche.
  • Pressione 7 bar
    Con erogazione continua 120 – 130 g/min e 500 g/m di colpo di vapore.?Si tratta di un modello dalle ottime caratteristiche! Perfetto per chi cerca un?ferro da stiro professionale.

Per le?piastre, ti rimando all’apposito paragrafo.

Come scegliere il ferro da stiro senza caldaia

Il ferro da stiro senza caldaia presenta un corpo più compatto, è indubbiamente più facile da conservare (non ingombra) e ha un serbatoio interno che lo rende più silenzioso e veloce da usare. E’ più pratico da conservare ma non è privo di svantaggi.

Presenta un’autonomia?-in termini idrici-?inferiore e per questo, l’acqua, va spesso rabboccata. Non è adatto a chi intende eseguire lunghe sessioni di stiratura. La capienza del serbatoio interno può variare e va da 300 ml fino a superare 1 lt.

Altro svantaggio: il vapore erogato è generalmente inferiore rispetto a quello fornito da un?ferro da stiro con caldaia?così anche il lavoro diventa più impegnativo. Altro svantaggio è il peso maggiore legato proprio alla presenza del serbatoio interno.

Per massimizzare i vantaggi del?ferro da stiro senza caldaia?vi sono i modelli?cordless, cioè?ferri da stiro senza fili. Questi presentano una base d’appoggio e offrono la massima libertà di movimento. Spesso, i modelli cordless, vengono venduti con custodie da viaggio per sottolineare la praticità dello strumento.

A “questa pagina Amazon” puoi trovare molti modelli di ferro da stiro senza caldaia e senza fili. Per la scelta, ti raccomando anche di vedere la qualità della piastra.

Come scegliere il ferro da stiro: piastra in ceramica, teflon, acciaio…

Un altro fattore da valutare è il materiale delle piastre. In commercio puoi trovare?ferri da stiro con piastre in ceramica, alluminio, teflon e acciaio.

La piastra in acciaio è molto resistente, si pulisce bene e garantisce una buona fluidità di lavoro. Ha un limite, cioè non fornisce buona precisione ma tale limite può essere superato scegliendo forme con fori vapore omogenei e ben distribuiti.

La piastra in teflon, come quella in acciaio, distribuisce il calore in modo impeccabile. Il teflon, però, al contrario dell’acciaio è meno resistente. Il suo punto di forza è l’estrema scorrevolezza che lo rendono più pratico. Bisogna poi prestare qualche attenzione in più nella pulizia.

La piastra in ceramica è indicata per i capi più delicati. Presenta una buona precisione ma non è resistente quanto i materiali sopra elencati.

La piastra in alluminio offre una buona precisione ed è un ottimo compromesso per chi è indeciso tra?ferro da stiro con piastra in ceramica o acciaio. E’ più solido della ceramica e anche più delicato dell’acciaio.

Ti può interessare la guida: come pulire il ferro da stiro

Pubblicato da Anna De Simone il 21 dicembre 2017