Come realizzare un recinto elettrificato

recinto elettrificato fai da te

Come realizzare un recinto elettrificato: istruzioni fai da te per fare una recinzione elettrica sfruttando fili metallici, paletti di sostegno e elettrificatori. Dove comprare il materiale e istruzioni al montaggio.

Per?fare una recinzione elettrica?avete bisogno sostanzialmente di soli tre elementi:

  • paletti di sostegno
  • elettrificatori
  • fili e isolatori

Un?recinto elettrificato?è costituito da fili metallici sostenuti da paletti. I fili metallici sono collegati a un elettrificatore o generatore di corrente. Sono inoltre necessari degli isolatori e dei cartelli di segnalazione da collocare lungo il recito così come previsto dalla normativa vigente. Basta un solo cartello per recinti dalle dimensioni inferiori ai 20 metri, per recinti più grandi sarà necessario un cartello ogni 20 metri.

Come realizzare un recinto elettrificato:
tracciate il perimetro

Se avete già una?recinzione per orto?o per il contenimento degli animali, potete sfruttare i vecchi pali di sostegno sui quali montare i fili metallici da elettrificare. Se invece dovete realizzare un recinto elettrificato partendo da zero, avrete bisogno di due tipi di?paletti di sostegno.

Vi serviranno dei paletti più solidi per sostenere la struttura, definiti anche “paletti di forza”. I paletti di forza vanno collocati negli angoli del recinto e anche a intervalli lunghi (in caso di un recinto elettrico molto lungo, un paletto di forza dovrà essere collocato ogni 10 metri). I paletti di forza?dovranno essere ben piantati a terra, meglio se in legno di castagno o addirittura in cemento.

Vi serviranno po altri paletti meno massicci, questi dovranno sostenere i fili. I paletti di sostegno vanno collocati a una distanza di 2 metri circa.

In base a queste informazioni, calcolate il numero di paletti di forza che vi occorre (uno ogni angolo e uno ogni 10 metri) e il numero di paletti di sostegno da comprare (vanno impiantati uno ogni 2 metri).

Per il sostegno potete comprare dei tondini metallici per l’edilizia (costano pochi euro), l’unico inconveniente è che essendo metallici, dovrete dotarli di isolatori a ghiera.

Recinto elettrico fai da te:
fili e isolatori da usare

Un?recinto elettrificato fai da te?lavora a una tensione molto alta: da 8 a 15 kV, non cercate di risparmiare sull’isolamento perché potreste incorrere a danni piuttosto gravi.

Gli?isolatori vanno usati per i picchetti di sostegno e per i paletti (legno o metallo che siano). Per i picchetti di legno usate degli isolatori a coda di maiale!?Gli isolatori sono in materiale plastico o ceramico e riescono a isolare fino a 20.000 volt.

I fili da elettrificare sono rigorosamente metallici ma non tutti i metalli conducono corrente. Il rame è il conduttore per eccellenza ma in questo caso produrrebbe consumi troppo elevati. Per il?costruire un recinto elettrificato?scegliete dei fili di ferro zincato, che sono anche più economici! Il diametro minimo dovrà essere di 1,2 mm.

Come costruire un recinto elettrificato:
gli elettrificatori

Nella scelta dell’elettrificatore?dovete considerare l’utilità del vostro recinto. Se si tratta di una rete elettrica per animali, considerate che il bestiame può presentare pellicce protettive. Per esempio, se la?rete elettrificata?serve a tenere lontani i cinghiali, questi animali presentano pelle spessa e per allontanarli avrete bisogno di elettrificatori più potenti, in grado di fornire la quantità di elettricità adeguata lungo tutto il recinto.

Se il recinto è molto lungo, potete montare diversi elettrificatori. In commercio si trovano tre tipi di elettrificatori:

  • a corrente
    sono queli più efficaci, sono alimentati direttamente dalla rete elettrica. Questi elettrificatori sono adatti a recinti fai da te molto lunghi! Anche fino a 5 km.
  • a pile
    sono meno potenti ma si possono usare ovunque con batterie ricaricabili preferibilmente da 12 V.
  • ad accumulatori
    batterie più potenti, forniscono la medesima potenza della rete elettrica ma necessitano di periodiche ricariche e possono essere rubati con facilità.

Recinzione elettrica fai da te: montaggio

Per il montaggio della?recinzione elettrificata?consigliamo l’uso di almeno 4 fili metallici posti ad altezze diverse:?il primo a 25 cm dal suolo, il secondo posto a 50 cm dal suolo e il terzo a 120 cm da terra. In caso di?recinzione per ovini?o per proteggere la coltivazione da animali di piccola taglia, potete intervallare i cavi elettrificati con cavi non elettrificati da collegare ai pali della messa a terra.

Kit per costruire recinzioni elettrificate

Potete acquistare il materiale singolarmente oppure sfruttare dei kit pronti al montaggio.?I kit consentono di costruire artigianalmente una recinzione elettrica con un budget inferiore ai 200 euro.

Tra i vari kit presenti in commercio, ve ne segnaliamo uno dall’ottimo rapporto qualità prezzo: kit recinto elettrico Extra Power. Il kit comprende tutti gli accessori per realizzare una?recinzione elettrica. Al momento dell’installazione, ricordate che l’altezza dei fili deve tenere conto dell’animale nei cui confronti devono agire. Se volete?proteggere l’orto?da qualsiasi animale selvatico, dovrete porre i fili alla distanza di 25 – 30 cm l’uno dall’altro; se ci sono pochi animali, vi basterà un filo singolo collocato a 25 cm dal suolo.

Potete partire dal kit e acquistare del filo supplementare e usare come supporto dei tondini metallici per l’edilizia (molto economici), oppure acquistare più kit per la realizzazione di recinzioni elettriche più grandi.?Il kit consigliato dispone di un filo elettrico lungo 250 metri, utile per la protezione dell’orto domestico.

Pubblicato da Anna De Simone il 20 ottobre 2016