Come curare un Bonsai

Come curare un Bonsai

Come curare un Bonsai:?potatura, pinzatura, rinvaso e tutte le?cure?da destinare al?bonsai.

Chiariamo subito una cosa, il?bonsai?non è una pianta ma un’arte, l’arte di coltivare miniature di alberi, facendo sviluppare l’apparato radicale in un piccolo vaso. Ogni?bonsai?è diverso. Se ne avete appena acquistato uno, dovreste accertarvi sul tipo di?pianta?che avete comprato. Già, quel piccolo alberello, prima di essere un?bonsai?è una?pianta che ha specifiche esigenze climatiche, di luminosità, idriche e nutrizionali.

In genere, i?bonsai?più diffusi sono anche quelli più?facili da coltivare, curare e mantenere. Se avete appena comprato un?bonsai per interno, probabilmente avete preso:

  • Bonsai Crassula
  • Bonsai Ligustro
  • Bonsai Carmona (Fukien Tea)
  • Bonsai Schefflera arboricola (Umbrella hawaiano)
  • Bonsai Segeretia

Linee guida per la coltivazione dei bonsai

Premesso che dovete?sempre?coltivare il bonsai?tenendo conto delle esigenze specifiche della specie che avete comprato, ci sono però delle linee guida generali da applicare alla?coltivazione?di tutti i?bonsai da interno.

Quanta acqua dare

L’alberello andrebbe mantenuto?umido.?Anche il?bonsai?più resistente non ama la siccità! Fate attenzione a non creare ristagni e a somministrare la giusta quantità d’acqua perché il vaso del bonsai è di gran lunga più piccolo ai vasi delle classiche piante ornamentali.

In inverno, quando in casa attivate i termosifoni, il vaso del?bonsai?dovrebbe essere posto in un ulteriore vaso più profondo dove avete collocato uno strato di argilla o ghiaia da mantenere umido.

Dove coltivare il bonsai

I?bonsai da interno, spesso, possono essere posti all’esterno nella stagione più calda dell’anno. In genere i?bonsai?vanno collocati nelle zone più luminose della casa ma non a ridosso di una finestra dove batte forte il sole cocente le ore più calde della giornata.

La migliore temperatura è di circa 20 °C.

La collocazione del?bonsai ?può anche essere cambiata durante l’anno. Per esempio, in inverno potete spostare le piante a ridosso di finestre esposte a sud ma in estate sarebbe deleteria una posizione simile.

Via libera a esposizioni a est o a ovest. A nord, il bonsai rischierebbe di ricevere poca luce.

Assicuratevi che il vostro?bonsai da interni?riceva almeno 4 – 6 ore di luce al giorno.

Concime per bonsai

Il concime va somministrato due volte al mese dalla primavera all’autunno. La cadenza diventa mensile (una sola volta al mese) nel periodo invernale.

Rinvasare un bonsai

Il rinvaso va eseguito quasi sempre a inizio primavera, fatto eccezione per pochi esemplari come l’olmo cinese (olmo giapponese) che vuole un rinvaso precoce (verso la fine di febbraio).

Stili, Legature e potature

La cosa più difficile della?coltivazione?di un?bonsai, non è tanto?quando e quanto?irrigare, non è il tipo di terriccio da usare o il concime giusto… la cosa più difficile è?plasmare la pianta.

Dare forma a un?bonsai?richiede il maggior investimento in termini di impegno e pazienza. Con la?potatura?non solo si va a?contenere?la forma nativa del?bonsai?ma il piccolo alberello in miniatura può essere anche modificato nel corso degli anni.

Si parla di filatura?o?legatura?per intrecciare i rami o per realizzare una curvatura a “C” del tronco?principale o di uno dei rami. Con la?legatura?e la?potatura?si possono conferire alle piante diversi stili.

Per ogni?bonsai, bisognerà scegliere la forma in base alle caratteristiche della pianta e in base all’effetto desiderato. Gli stili di coltivazione del bonsai?sono molti, per citarne qualcuno: a scopa rovescita (hokidachi), stile informale (moyogi), su roccia (ishizuki), bosco (yose-uè), tronco multiplo (kabudachi), prostrato o semi cascata (hankeniani), a cascata (keniani) e a zattera. Le legature?e le?potature del bonsai?devono plasmare il piccolo alberello ma sempre?assecondando quanto più possibile le caratteristiche della pianta così da coltivare un?bonsai?sano e forte.

Per lo stile e le legature, esistono manuali infiniti e il mezzo di apprendimento più importante è la pratica. Per non lasciarvi allo sbaraglio vi consigliamo il libro?Bonsai. Stili, legature e potature”.

Il libro in questione fa parte della collana?Pollice Verde?di Giunti Editore. E’ un manuale illustrato molto utile per sia per chi già coltiva bonsai sia per chi è ai primi passi (grazie alle illustrazioni e alle istruzioni passo per passo). Il libro si compra con 6,72 euro su Amazon, con spese di spedizione gratuite. Per tutte le informazioni vi rimandiamo alla pagina:?Bonsai. Stili, legature e potature.

Ti potrebbe interessare

Boschetto Bonsai

Pubblicato da Anna De Simone il 20 giugno 2017