Come allontanare il grillotalpa

come allontanare grillotalpa

Come allontanare il grillotalpa: istruzioni per proteggere l’orto dal grillotalpa. Rimedi naturali e non.?Lotta biologica e come eliminarlo.

Il?grillotalpa?non è un insetto dall’aspetto rassicurante, infatti con le sue due zampe anteriori (zampe fossatorie) riesce a fare grandi danni nel nostro orto o giardino. Il paio di zampe anteriori è modificato per consentire all’insetto di scavare gallerie fino a circa un metro di profondità, così facendo il?grillotalpa?riesce a distruggere tappeti erbosi, infestare orti e campi di tuberi (in particolare patate). Le piante preferite del?grillotalpa?sono molteplici quindi nell’orto nulla è al sicuro: bietole, peperoni, pomodori, zucchine, cetriolo, zucca… le sue piante preferite sono quelle ricche di amidi e sostanze zuccherine.

In genere preferisce terreni sciolti e umidi che sceglie per generare la sua prole: la femmina arriva a deporre dalle 200 alle 300 uova e il ciclo di vita si conclude con un insetto adulto che raggiunge i 5 cm di lunghezza. Il ciclo per diventare adulto è biennale ma il?grillotalpa?causa danni anche durante l’accrescimento.

Come allontanare il grillo talpa, lotta biologica

Come allontanare il grillotalpa da orto e giardino?
Con i suoi nemici naturali.

Il?grillotalpa?ha una serie di predatori naturali sia tra i volatili, sia tra i mammiferi. I predatori del?grillotalpa?sono il toporagno, il riccio, la talpa, i rapaci, l’upupa e il merlo. Questi predatori insettivori, purtroppo, non riescono a?combatterlo?in modo definitivo ma si limitano solo a rallentarne lo sviluppo mitigando i danni delle infestazioni.

La?lotta biologica, purtroppo, non si conduce con i nemici naturali del?grillotalpa. La?lotta biologica al grillotalpa?si conduce con prodotti a base di Steinernema carpocapsae,?nematodi?parassiti del grillotalpa. Questi nematodi non attaccano piante o organismi animali superiori (come cani e gatti) ma solo insetti e crisalidi. Non sono specifici del?grillotalpa?quindi la?lotta biologica?non è consigliata nell’orto o in agricoltura. Potrebbe essere consigliata in caso di infestazione di grillotalpa su campi da calcio o da tennis.

Grillotalpa, come eliminarlo con le esche

Chi è a caccia di metodi più drastici, può contare su una serie di esche pronte all’uso. In commercio si trovano delle esche a base di amidi e methiocarb-1, sostanza velenosa che una volta ingerita, causa la morte del?grillotalpa. Questo metodo è sconsigliato perché l’utente dovrà avere premura di posizionare le esche sul terreno di sera, preferibilmente in primavera e a seguito di una giornata di pioggia. Le esche dovranno essere ben nascoste (per evitare che altri animali possano ingerirle) e rimosse al mattino presto insieme alle carcasse di?grillotalpa?avvelenati.

Oltre le esche, è possibile sfruttare dei granuli finissimi (sempre a base di methiocarb-1) che vanno disseminati sul terreno. Questi granuli oltre al?grillotalpa?potrebbero causare altre vittime (insetti terricoli). Anche in questo caso sarà necessario eliminare i grillotalpa morti perché potrebbero essere ingeriti da uccelli o altri predatori naturali di questo animale e causare un avvelenamento a catena.

Come allontanare il grillotalpa con le trappole

Non mancano trappole per catturare e allontanare i?grillitalpa?dal giardino e dall’orto. Le trappole consistono in vasi di latta che vanno interrati a una distanza di 4 – 5 metri l’uno dall’altro. Bisogna posizionare un gran numero di vasi, in genere nei mesi di aprile e di maggio. Durante?gli spostamenti nel sottosuolo, il grillotalpa andrà a finire nella trappola e potrà essere allontanato dall’orto. Non si tratta di un metodo molto efficace ma di certo è una strategia?a costo zero.

In alternativa ai vasi di latta è possibile interrare delle bottiglie forate, private del “collo”. Le bottiglie di plastica dovranno essere di una lunghezza di almeno 10 cm così da non consentire più al grillotalpa di risalire e raggiungere il terreno.

Potrebbe interessarvi:?come allontanare gli insetti.?Rimedi e consigli?per farlo in modo naturale.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 1 aprile 2016